Bob Dylan e la canzone popolare americana

spalla

Bob Dylan e la canzone popolare americana


Song To Woody
da “Bob Dylan” (1962)

bob_dylan_-_bob_dylan

Canzone a Woody

Sono qui a mille miglia da casa,
su una strada che altri uomini hanno fatto.
Guardo il tuo mondo di cose e di persone,
di poveri e braccianti, di principi e re.

Ehei, ehi, Woody Guthrie, ti ho scritto una canzone
su questo strano mondo che verrà,
che sembra ammalato e che ha fame, è stanco e sbrindellato,
che sembra moribondo e non è neanche nato.

Ehi, Woody Guthrie, ma io so che tu sai
tutto quello che ti dico e chissà quante volte.
Ti canto una canzone, ma non canto abbastanza,
perché non sono in tanti ad aver fatto le cose che tu hai fatto.

E la dedico anche a Cisco, a Sonny e a Leadbelly,
e a tutti i tipi in gamba che t’han fatto compagnia.
E la dedico ai cuori e alle mani di quegli uomini
venuti con la polvere e svaniti con il vento.

Domani andrò via, ma potrei partire oggi,
da qualche parte, un giorno o l’altro, via di qui.
L’ultima cosa che mi andrebbe di fare
è dire che di strada ne ho fatta tanta anch’io.


Blowin’ in the Wind
da “The Freewheelin’ Bob Dylan” (1963)

bob_dylan_-_the_freewheelin_bob_dylan

How many roads must a man walk down
Before you can call him a man?
Yes, ‘n’ how many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?
Yes, ‘n’ how many times must the cannonballs fly
Before they’re forever banned?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

How many years can a mountain exist
Before it’s washed to the sea?
Yes, ‘n’ how many years can some people exist
Before they’re allowed to be free?
Yes, ‘n’ how many times can a man turn his head,
Pretending he just doesn’t see?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind

How many times must a man look up
Before he can see the sky?
Yes, ‘n’ how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, ‘n’ how many deaths will it take till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.

Vola via nel vento

Un uomo quante strade deve fare
prima di dire che è un uomo?
E una colomba quanti mari deve passare
prima di dormire sulla sabbia?
E le palle di cannone quante volte dovranno volare
prima di abolirle per sempre?
La risposta, amico mio, vola via nel vento,
la risposta vola via nel vento.

Quanti anni può durare una montagna
prima che l’oceano la copra?
E quanti anni può durare un popolo
prima di ottenere libertà?
E un uomo quante volte può voltarsi
e far finta di non avere visto?
La risposta, amico mio, vola via nel vento,
la risposta vola via nel vento.

Un uomo quante volte deve alzare gli occhi
prima di poter  vedere il cielo?
E un uomo quant orecchie deve avere
prima di sentir piangere qulcuno?
E quante morti ci vorranno perché sappia
che troppa gente è già morta?
La risposta, amico mio, vola via nel vento,
la risposta vola via nel vento.


Maggie’s Farm
da “Bringing It All Back Home” (1965)

bob_dylan_-_bringing_it_all_back_home

I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more
No, I aint gonna work on Maggie’s farm no more
Well, I wake up in the morning
Fold my hands and pray for rain
I got a head full of ideas
That are drivin’ me insane
It’s a shame the way she makes me scrub the floor
I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more

I ain’t gonna work for Maggie’s brother no more
No, I aint gonna work for Maggie’s brother no more
Well, he hands you a nickel
He hands you a dime
He asks you with a grin
If you’re havin’ a good time
Then he fines you every time you slam the door
I ain’t gonna work for Maggie’s brother more

I ain’t gonna work for Maggie’s pa no more
No, I aint gonna work for Maggie’s pa no more
Well, he puts his cigar
Out in your face just for kicks
His bedroom window
It is made out of bricks
The National Guard stands around his door
Ah, I ain’t gonna work for Maggie’s pa no more

I ain’t gonna work for Maggie’s ma no more
No, I ain’t gonna work for Maggie’s ma no more
Well, when she talks to all the servants
About man and God and law
Everybody says
She’s the brains behind pa
She’s sixty-eight, but she says she’s twenty-four
I ain’t gonna work for Maggie’s ma no more

I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more
I aint gonna work on Maggie’s farm no more
Well, I try my best
To be just like I am
But everybody wants you
To be just like them
They say sing while you slave and I just get bored
I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more

La fattoria di Maggie

Io alla fattoria di Maggie non ci lavoro più.
No, alla fattoria di Maggie non ci lavoro più.
Mi sveglio la mattina,
giungo le mani e prego che piova,
mi girano in testa certe idee
che mi fanno uscire pazzo,
come lei mi fa fregare il pavimento è una cosa vergognosa.
Io alla fattoria di Maggie non ci lavoro più.

Io per il fratello di Maggie non ci lavoro più.
No, per il fratello di Maggie non ci lavoro più.
Ti dà una moneta da cinque,
ti dà una moneta da dieci,
ti chiede ghignando
se ti stai divertendo
e se sbatti la porta ti mette la multa.
Io per il fratello di Maggie non ci lavoro più.

Io per il papà di Maggie non ci lavoro più.
No, non per il papà di Maggie non ci lavoro più.
Ti sbuffa il sigaro in faccia
così, tanto per scherzare,
in camera da letto ha una finestra
che è fatta di mattoni,
alla porta sta in servizio la Guardia nazionale.
Io per il papà di Maggie non ci lavoro più.

Io per la mamma di Maggie non ci lavoro più.
No, per la mamma di Maggie non ci lavoro più.
Fa la predica ai domestici
sull’uom, la legge e il Padreterno
dicono tutti
che chi porta i pantaloni in casa è lei,
ha sessantotto anni e dice di averne ventiquattro.
Io per la mamma di Maggie non ci lavoro più.

Io alla fattoria di Maggie non ci lavoro più.
No, alla fattoria di Maggie non ci lavoro più.
Faccio quel che posso
per restare quel che sono,
ma qui tutti pretendono
che tu sia come loro.
Loro cantano e tu sgobbi, e io sono stufo.
Io alla fattoria di Maggie non ci lavoro più.


Mr. Tamburine Man
da “Bringing It All Back Home” (1965)

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Though I know that evenin’s empire has returned into sand,
Vanished from my hand,
Left me blindly here to stand but still not sleeping.
My weariness amazes me, I’m branded on my feet,
I have no one to meet
And the ancient empty street’s too dead for dreaming.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Take me on a trip upon your magic swirlin’ ship,
My senses have been stripped, my hands can’t feel to grip,
My toes too numb to step, wait only for my boot heels
To be wanderin’.
I’m ready to go anywhere, I’m ready for to fade
Into my own parade, cast your dancing spell my way,
I promise to go under it.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Though you might hear laughin’, spinnin’, swingin’ madly across the sun,
It’s not aimed at anyone, it’s just escapin’ on the run
And but for the sky there are no fences facin’.
And if you hear vague traces of skippin’ reels of rhyme
To your tambourine in time, it’s just a ragged clown behind,
I wouldn’t pay it any mind, it’s just a shadow you’re
Seein’ that he’s chasing.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Then take me disappearin’ through the smoke rings of my mind,
Down the foggy ruins of time, far past the frozen leaves,
The haunted, frightened trees, out to the windy beach,
Far from the twisted reach of crazy sorrow.
Yes, to dance beneath the diamond sky with one hand waving free,
Silhouetted by the sea, circled by the circus sands,
With all memory and fate driven deep beneath the waves,
Let me forget about today until tomorrow.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.


Mr Tamburino

Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Non ho sonno e non ho un posto dove andare.
Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Nel mattino tintinnante verrò via con te.

Anche se l’impero della sera è ritornato nella sabbia,
mi è svanito dalla mano,
mi ha lasciato qui accecato ma ben desto,
la stanchezza mi stupisce, sto marchiato sui miei piedi,
non ho nessuno da vedere
e l’antca strada vuota è troppo morta per sognare.

Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Non ho sonno e non ho un posto dove andare.
Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Nel mattino tintinnante verrò via con te.

Portami in viaggio sulla tua magica nave vorticante,
ho i sensi denudati, le mani che non sentono la presa,
le dita dei piedi troppo ottuse per fare solo un passo,
gli mancano i miei tacchi di stivale per rimettersi in cammino.
Sono pronto per andare ovunque, sono pronto a scomparire
nella parata di me stesso, scaglia su di me il tuo incantesimo di danza,
io prometto di obbedire.

Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Non ho sonno e non ho un posto dove andare.
Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Nel mattino tintinnante verrò via con te.

Magari udrai un ridere, un mulinare, un matto zigzagare oltre il sole,
è una cosa diretta a nessuno, è solo un’evasione, è solo fuga,
e, a parte il cielo, non ci sono altri steccati da saltare.
E se senti vaghe tracce di rime in girotondo un po’ sfasate
al ritmo del tuo tamburino, è solo un clown straccione che vien dietro,
io non gli darei neanche retta,
è solo un’ombra che tu vedi a cui dà caccia.

Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Non ho sonno e non ho un posto dove andare.
Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Nel mattino tintinnante verrò via con te.

Fammi scomparire nel fumo inanellato dei pensieri,
tra le nebbiose rovine del tempo, molto al di là delle foglie gelate,
degli alberi stregati e spaventati, fino alla spiaggia battuta dal vento,
via dalla stretta contorta del pazzo dolore.
Sì, danzare sotto un cielo di diamante, una mano che libera si muove,
il profilo stagliato contro il mare, circondato dalla sabbia come al circo,
ogni fato, ogni memoria spinti giù sotto le onde,
non farmi più pensare all’oggi fino al giorno di domani.

Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Non ho sonno e non ho un posto dove andare.
Hey! Mister Tamburino, suona un po’ per me.
Nel mattino tintinnante verrò via con te.


Like a Rolling Stone
da “Higway 61 Revisited” (1965)

bob_dylan_-_highway_61_revisited

Once upon a time you dressed so fine
You threw the bums a dime in your prime, didn’t you?
People’d call, say, “Beware doll, you’re bound to fall”
You thought they were all kiddin’ you
You used to laugh about
Everybody that was hangin’ out

Now you don’t talk so loud
Now you don’t seem so proud
About having to be scrounging for your next meal.

How does it feel
How does it feel
To be without a home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?

You’ve gone to the finest school all right, Miss Lonely
But you know you only used to get juiced in it
And nobody has ever taught you how to live on the street
And now you find out you’re gonna have to get used to it
You said you’d never compromise
With the mystery tramp, but now you realize
He’s not selling any alibis
As you stare into the vacuum of his eyes
And ask him do you want to make a deal?

How does it feel
How does it feel
To be on your own
With no direction home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?

You never turned around to see the frowns on the jugglers and the clowns
When they all come down and did tricks for you
You never understood that it ain’t no good
You shouldn’t let other people get your kicks for you
You used to ride on the chrome horse with your diplomat
Who carried on his shoulder a Siamese cat
Ain’t it hard when you discover that
He really wasn’t where it’s at
After he took from you everything he could steal.

How does it feel
How does it feel
To be on your own
With no direction home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?

Princess on the steeple and all the pretty people
They’re drinkin’, thinkin’ that they got it made
Exchanging all kinds of precious gifts and things
But you’d better lift your diamond ring, you’d better pawn it babe
You used to be so amused
At Napoleon in rags and the language that he used
Go to him now, he calls you, you can’t refuse
When you got nothing, you got nothing to lose
You’re invisible now, you got no secrets to conceal.

How does it feel
How does it feel
To be on your own
With no direction home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?

Come un sasso che rotola via

Una volta eri sempre così agghindata,
gettavi centesimi ai barboni nel fiore dei tuoi anni, ti ricordi?
La gente ti gridava dietro, come a dire:  “Sta’ attenta, bellezza, che qui finisci male”.
Ma tu niente, convinta che era tutto uno scherzo,
e come te la ridevi
di quelli che stavano nel giro.
Adesso non parli più con quel tono,
adesso non sei più tanto spocchiosa
di doverti rimediare qualche cosa da mangiare.

Che effetto fa,
che effetto fa,
senza un posto dove stare,
che nessuno ti conosce,
come un sasso che rotola via?

Hai fatto buone scuole, come no, Miss Malinconia,
ma diciamo la verità, non facevi che sbronzarti.
Nessuno t’ha mai detto come vivere per strada
e adesso te ne accorgi, che ci devi fare il callo.
Dicevi che mai saresti scesa a patti
col vagabondo misterioso, ma adesso l’hai capito
che lui di alibi non ne vende mica
quando lo fissi nel vuoto degli occhi
e gli fai ci mettiamo d’accordo?

Che effetto fa,
che effetto fa,
senza un posto dove stare,
che nessuno ti conosce,
come un sasso che rotola via?

Non ti sei mai voltata alle smorfiacce di pagliacci
e giocolieri
che venivano a far numeri per te.
Non ti sei mai messa in testa che così non funzionava,
che quello che ti piace nella vita gli altri non lo possono vivere per te.

Salivi sul cavallo cromato col tuo diplomatico,
quello col siamese appollaiato su una spalla.
Brutto colpo, vero, scoprire che poi
non era neanche così al passo coi tempi,
dopo che t’ha preso tutto quello che poteva rubare.

Che effetto fa,
che effetto fa,
senza un posto dove stare,
che nessuno ti conosce,
come un sasso che rotola via?

Principessa in cima al campanile e quanta bella gente
che beve convinta di andare alla grande
e si scambia regali preziosi e ogni sorta di cose,
ma tu poensa a toglierti l’anello di diamanti e a portarlo al Monte di Pietà.
Ti faceva tanto divertire
quello con addosso gli stracci da Napoleone e il suo modo di parlare.
Va’ da lui adesso, che ti chiama, non puoi mica rifiutare.
Se non hai niente, non hai niente da perdere,
sei invisibile ormai, non hai segreti da nascondere.

Che effetto fa,
che effetto fa,
senza un posto dove stare,
che nessuno ti conosce,
come un sasso che rotola via?


Ballad of a Thin Man
da “Highway 61 Revisited” (1965)

You walk into the room
With your pencil in your hand
You see somebody naked
And you say, “Who is that man ?”
You try so hard
But you don’t understand
Just what you’ll say
When you get home.
Because something is happening here
But you don’t know what it is
Do you, Mister Jones ?

You raise up your head
And you ask, “Is this where it is ?”
And somebody points to you and says
“It’s his”
And you says, “What’s mine ?”
And somebody else says, “Well, what is ?”
And you say, “Oh my God
Am I here all alone ?”

But something is happening here
But you don’t know what it is
Do you, Mister Jones ?

You hand in your ticket
And you go watch the geek
Who immediately walks up to you
When he hears you speak
And says, “How does it feel
To be such a freak ?”
And you say, “Impossible”
As he hands you a bone.

And something is happening here
But you don’t know what it is
Do you, Mister Jones ?

You have many contacts
Among the lumberjacks
To get you facts
When someone attacks your imagination
But nobody has any respect
Anyway they already expect you
To all give a check
To tax-deductible charity organizations.
You’ve been with the professors
And they’ve all liked your looks
With great lawyers you have
Discussed lepers and crooks
You’ve been through all of
F. Scott Fitzgerald’s books
You’re very well read
It’s well known.

But something is happening here
And you don’t know what it i
Do you, Mister Jones ?

Well, the sword swallower, he comes up to you
And then he kneels
He crosses himself
And then he clicks his high heels
He asks you how it feels
And he says, “Here is your throat back
Thanks for the loan”.

And you know something is happening
But you don’t know what it is
Do you, Mister Jones ?

Now you see this one-eyed midget
Shouting the word “NOW”
And you say, “For what reason ?”
And he says, “How ?”
And you say, “What does this mean ?”
And he screams back, “You’re a cow
Give me some milk
Or else go home”.

Because something is happening
But you don’t know what it is
Do you, Mister Jones ?

Well, you walk into the room
Like a camel and then you frown
You put your eyes in your pocket
And your nose on the ground
There ought to be a law
Against you comin’ around
You should be made
To wear earphones.

But something is happening
And you don’t know what it is
Do you, Mister Jones ?

Ballata di un uomo sottile

Entri nella stanza,la matita in mano,
vedi un tale nudo
e dici: “Chi è costui?”.
Ce la metti proprio tutta
ma porpiro non hai idea
di quello che dirai
tornato a casa.

Perché qui sta succedendo qualcosa
ma tu non sai che cosa,
non è vero, Mister Jones?

Alzi la testa
e chiedi: “E’ qui che succede?”.
E qualcuno ti indica e dice:
“E’ suo”.
E tu dici: “Cosa è mio?”.
E qualcun altro dice: “Che succede cosa?”.
E tu dici: “Oh, mio DIo,
ma sono qui da solo?”.

Perché qui sta accadendo qualcosa
ma tu non sai che cosa,
non è vero, Mister Jones?

Consegni il biglietto
e vai a vedere il fenomeno da baraccone
che ti viene incotro subito
appena ti sente parlare
e ti chiede: “Che effetto fa
essere un tale scherzo di natura?”.
E mentre tu dici: “Impossibile”,
lui ti mette in mano un osso.

Perché qui sta accadendo qualcosa
ma tu non sai che cosa,
non è vero, Mister Jones?

Hai parecchi contatti
tra i vari taglialegna
per riferirti i fatti
quando viene aggredita la tua immaginazione.
Ma nessuno che abbia un po’ di soggezione
e comunque stanno solo ad aspettare
che tu firmi un assegno
detraibile da tasse per una qualche caritatevole organizzazione.

Sei stato in compagnia di professori
che hanno tutti lodato i tuoi modi,
con grandi avvocati hai
discusso di lebbrosi e malfattori,
ti sei letto tutti i libri
di F. Scott Fitzgerald,
sei molto istruito,
è risaputo.

Perché qui sta accadendo qualcosa
ma tu non sai che cosa,
non è vero, Mister Jones?

Il mangiatore di spade ti si avvicina,
si inginocchia,
si fa il segno della croce,
poi sbatte i tacchi alti
e senza altri indugi
ti chiede cosa te ne pare
e ti dice: “Rieccoti la gola,
grazie per il prestito”.

Perché qui sta accadendo qualcosa
ma tu non sai che cosa,
non è vero, Mister Jones?

Poi ti vedi davanti un nano guercio
che grida le parole: “ADESSO!”.
E tu gli fai: “Perché?”
e lui risponde: “Come?”e tu fai: “Ma che vuol dire?”
e lui ribatte urlando: “Sei una vacca,
dammi un po’ di latte
o torna a casa!”.

Perché qui sta accadendo qualcosa
ma tu non sai che cosa,
non è vero, Mister Jones?

Entri nella stanza
come un cammello e fai una brutta faccia,
ti metti gli occhi in tasca
e il naso giù per terra.
Magari ci fosse una legge
contro uno come te,
a costringerti
a portare delle cuffie.

Perché qui sta accadendo qualcosa
ma tu non sai che cosa,
non è vero, Mister Jones?


Just Like a Woman
da “Blonde on Blonde” (1966)

1775502

Nobody feels any pain
Tonight as I stand inside the rain
Ev’rybody knows
That Baby’s got new clothes
But lately I see her ribbons and her bows
Have fallen from her curls
She takes just like a woman, yes, she does
She makes love just like a woman, yes, she does
And she aches just like a woman
But she breaks just like a little girl

Queen Mary
She’s my friend
Yes, I believe I’ll go see her again
Nobody has to guess
That Baby can’t be blessed
Till she sees finally that she’s like all the rest
With her fog, her amphetamine and her pearls
She takes just like a woman, yes
She makes love just like a woman, yes, she does
And she aches just like a woman
But she breaks just like a little girl

It was raining from the first
And I was dying there of thirst
So I came in here
And your long-time curse hurts
But what’s worse
Is this pain in here
I can’t stay in here
Ain’t it clear that

I just can’t fit
Yes, I believe it’s time for us to quit
But when we meet again
Introduced as friends
Please don’t let on that you knew me when
I was hungry and it was your world
Ah, you fake just like a woman, yes, you do
You make love just like a woman, yes, you do
Then you ache just like a woman
But you break just like a little girl

Come Una Donna

Nessuno soffre stasera
mentre io sto sotto la pioggia
tutti sanno
che Baby ha dei nuovi vestiti
ma di recente ho visto che i suoi nastri e i suoi fiocchi
sono caduti dai suoi riccioli
lei attrae proprio come una donna
fa l’amore proprio come una donna
e soffre proprio come una donna
ma scoppia a piangere proprio come una bambina

la regina Maria è mia amica
sì penso che l’andrò a vedere di nuovo
lo capiscono tutti
quella ragazza non potrà essere contenta
finché non capirà finalmente
che è come tutti gli altri
con il suo profumo la sua anfetamina le sue perle

lei attrae proprio come una donna
fa l’amore proprio come una donna
e soffre proprio come una donna
ma scoppia a piangere proprio come una bambina

Stava piovendo dall’inizio
e stavo morendo di sete
cosi sono entrato
e la tua antica maledizione ferisce
ma quello che é peggio
è questa sofferenza
Non posso restare qui
è chiaro
che proprio non ci riesco
sì credo sia l’ora di lasciarci
quando ci incontreremo ancora
presentati come amici
per piacere non far capire che mi conoscevi quando
io ero affamato, ed era (del) tuo mondo
ah tu fingi proprio come una donna, sì
tu fai l’amore proprio come una donna, sì, è così,
poi fai soffrire proprio come una donna
ma vai in crisi come una bimba.


Lay Lady Lay
da “Nashville Skyline” (1969)

1873886

Lay, lady, lay, lay across my big brass bed
Lay, lady, lay, lay across my big brass bed
Whatever colors you have in your mind
I’ll show them to you and you’ll see them shine

Lay, lady, lay, lay across my big brass bed
Stay, lady, stay, stay with your man awhile
Until the break of day, let me see you make him smile
His clothes are dirty but his hands are clean
And you’re the best thing that he’s ever seen

Stay, lady, stay, stay with your man awhile
Why wait any longer for the world to begin
You can have your cake and eat it too
Why wait any longer for the one you love
When he’s standing in front of you

Lay, lady, lay, lay across my big brass bed
Stay, lady, stay, stay while the night is still ahead
I long to see you in the morning light
I long to reach for you in the night
Stay, lady, stay, stay while the night is still ahead

Stenditi, Signora, stenditi

Stenditi, signora, stenditi sul mio grosso letto d’ottone
stenditi, signora, stenditi sul mio grosso letto d’ottone
qualunque colore ti venga in mente
te lo mostrerò e tu lo vedrai splendere

Stenditi, signora, stenditi sul mio grosso letto d’ottone
resta, signora, resta, resta un pò accanto al tuo uomo
fino allo spuntar del giorno fammi vedere che lo fai sorridere
i suoi abiti sono sporchi ma le sue mani sono pulite
etu sei la cosa migliore che egli abbia mai visto

Resta, signora, resta, resta un po’ accanto al tuo uomo
perchè aspettare ancora perchè inizi il mondo
puoi avere la tua torta e mangiarla pure
perchè aspettare ancora che arrivi colui che ami
quando ti sta di fronte

Stenditi, signora, stenditi sul mio grosso letto d’ottone
resta, signora, resta, resta mentre la notte è ancora all’inizio
desidero vederti nella luce del mattino
desidero abbracciarti nella notte
resta, signora, resta, resta mentre la notte è ancora all’inizio


Knockin’ on Heaven’s Door
da “Pat Garrett & Billy The Kid” (1973)

51lud16etwl

Mama, take this badge off of me
I can’t use it anymore
It’s getting dark, too dark for me to see
I feel like I’m knocking on heaven’s door

Chorus
Knock, knock, knocking on heaven’s door

Mama, put my guns in the ground
I can’t shoot them anymore
That long black cloud is coming down
I feel like I’m knocking on heaven’s door

Chorus
Knock, knock, knocking on heaven’s door


Bussando alle porte del cielo

Mamma, toglimi questo distintivo
non posso proprio più usarlo
sta diventando buio, troppo buio per vedere
mi sembra di bussare alle porte del cielo

di bussare alle porte del cielo

Mamma, butta a terra le mie pistole
non posso proprio più sparare
quella grande nuvola nera sta scendendo
mi sembra di bussare alle porte del cielo

di bussare alle porte del cielo


Forever Young
da “Planet Waves” (1974)

bob_dylan_-_planet_waves

May God bless and keep you always,
May your wishes all come true,
May you always do for others
And let others do for you.
May you build a ladder to the stars
And climb on every rung,
May you stay forever young,
Forever young, forever young,
May you stay forever young.

May you grow up to be righteous,
May you grow up to be true,
May you always know the truth
And see the lights surrounding you.
May you always be courageous,
Stand upright and be strong,
May you stay forever young,
Forever young, forever young,
May you stay forever young.

May your hands always be busy,
May your feet always be swift,
May you have a strong foundation
When the winds of changes shift.
May your heart always be joyful,
May your song always be sung,
May you stay forever young,
Forever young, forever young,
May you stay forever young.

Per sempre giovane

Possa Dio benedirti e proteggerti sempre
Possano tutti i tuoi desideri divenire realtà
Possa tu fare sempre qualcosa per gli altri
E lasciare che gli altri possano fare qualcosa per te
Possa tu costruire una scala fino alle stelle
E salirne ogni gradino
Possa tu rimanere per sempre giovane
Per sempre giovane, per sempre giovane
Possa tu rimanere per sempre giovane

Possa tu crescere per essere giusto
Possa tu crescere per essere sincero
Possa tu conoscere sempre la verità
E vedere la luce che ti circonda.
Possa tu essere sempre coraggioso
Ed essere forte e ben diritto
possa tu rimanere per sempre giovane
Per sempre giovane, per sempre giovane
Possa tu rimanere per sempre giovane

Possano le tue mani essere sempre occupate
Possa il tuo piede essere sempre rapido
Possa tu avere delle forti radici
Quando i venti del cambiamento soffiano
Possa il tuo cuore essere sempre pieno di gioia
Possa la tua canzone essere sempre cantata
Possa tu rimanere per sempre giovane
Per sempre giovane, per sempre giovane
Possa tu rimanere per sempre giovane


bob_dylan_-_desire

Pistol shots ring out in the barroom night
Enter Patty Valentine from the upper hall.
She sees the bartender in a pool of blood,
Cries out, “My God, they killed them all!”
Here comes the story of the Hurricane,
The man the authorities came to blame
For somethin’ that he never done.
Put in a prison cell, but one time he could-a been
The champion of the world.

Three bodies lyin’ there does Patty see
And another man named Bello, movin’ around mysteriously.
“I didn’t do it,” he says, and he throws up his hands
“I was only robbin’ the register, I hope you understand.
I saw them leavin’,” he says, and he stops
“One of us had better call up the cops.”
And so Patty calls the cops
And they arrive on the scene with their red lights flashin’
In the hot New Jersey night.

Meanwhile, far away in another part of town
Rubin Carter and a couple of friends are drivin’ around.
Number one contender for the middleweight crown
Had no idea what kinda shit was about to go down
When a cop pulled him over to the side of the road
Just like the time before and the time before that.
In Paterson that’s just the way things go.
If you’re black you might as well not show up on the street
‘Less you wanna draw the heat.

Alfred Bello had a partner and he had a rap for the cops.
Him and Arthur Dexter Bradley were just out prowlin’ around
He said, “I saw two men runnin’ out, they looked like middleweights
They jumped into a white car with out-of-state plates.”
And Miss Patty Valentine just nodded her head.
Cop said, “Wait a minute, boys, this one’s not dead”
So they took him to the infirmary
And though this man could hardly see
They told him that he could identify the guilty men.

Four in the mornin’ and they haul Rubin in,
Take him to the hospital and they bring him upstairs.
The wounded man looks up through his one dyin’ eye
Says, “Wha’d you bring him in here for? He ain’t the guy!”
Yes, here’s the story of the Hurricane,
The man the authorities came to blame
For somethin’ that he never done.
Put in a prison cell, but one time he could-a been
The champion of the world.

Four months later, the ghettos are in flame,
Rubin’s in South America, fightin’ for his name
While Arthur Dexter Bradley’s still in the robbery game
And the cops are puttin’ the screws to him, lookin’ for somebody to blame.
“Remember that murder that happened in a bar?”
“Remember you said you saw the getaway car?”
“You think you’d like to play ball with the law?”
“Think it might-a been that fighter that you saw runnin’ that night?”
“Don’t forget that you are white.”

Arthur Dexter Bradley said, “I’m really not sure.”
Cops said, “A poor boy like you could use a break
We got you for the motel job and we’re talkin’ to your friend Bello
Now you don’t wanta have to go back to jail, be a nice fellow.
You’ll be doin’ society a favor.
That sonofabitch is brave and gettin’ braver.
We want to put his ass in stir
We want to pin this triple murder on him
He ain’t no Gentleman Jim.”

Rubin could take a man out with just one punch
But he never did like to talk about it all that much.
It’s my work, he’d say, and I do it for pay
And when it’s over I’d just as soon go on my way
Up to some paradise
Where the trout streams flow and the air is nice
And ride a horse along a trail.
But then they took him to the jailhouse
Where they try to turn a man into a mouse.

All of Rubin’s cards were marked in advance
The trial was a pig-circus, he never had a chance.
The judge made Rubin’s witnesses drunkards from the slums
To the white folks who watched he was a revolutionary bum
And to the black folks he was just a crazy nigger.
No one doubted that he pulled the trigger.
And though they could not produce the gun,
The D.A. said he was the one who did the deed
And the all-white jury agreed.

Rubin Carter was falsely tried.
The crime was murder “one,” guess who testified?
Bello and Bradley and they both baldly lied
And the newspapers, they all went along for the ride.
How can the life of such a man
Be in the palm of some fool’s hand?
To see him obviously framed
Couldn’t help but make me feel ashamed to live in a land
Where justice is a game.

Now all the criminals in their coats and their ties
Are free to drink martinis and watch the sun rise
While Rubin sits like Buddha in a ten-foot cell
An innocent man in a living hell.
That’s the story of the Hurricane,
But it won’t be over till they clear his name
And give him back the time he’s done.
Put in a prison cell, but one time he could-a been
The champion of the world.

Colpi di pistola risuonano nel bar notturno,
Entra Patty Valentine dal ballatoio superiore
Vede il barista in una pozza di sangue,
Grida: “Mio Dio, li hanno uccisi tutti!”
Qui inizia la storia di Uragano
L’uomo che le autorità hanno accusato
Per qualcosa che lui non ha mai fatto
L’hanno messo in prigione, ma un tempo lui avrebbe potuto essere
Il campione del mondo

 Patty vede tre corpi stesi a terra
E un altro uomo chiamato Bello, che si muove misteriosamente.
“Io non l’ho fatto” disse lui alzando le mani
“Stavo solo derubando la cassa, spero che tu capisca
Li ho visti uscire” disse, e si fermò
“Uno di noi farebbe meglio a chiamare la polizia”
E cosi Patty chiamò la polizia
Arrivarono sulla scena con le lampeggianti luci rosse
Nella calda notte del New Jersey.

 Nel frattempo, lontano in un’altra parte della città
Rubin Carter e alcuni amici girano in auto
Il primo contendente della corona per i pesi medi
Non ha idea di che merda stava per succedere
Quando un poliziotto lo fece accostare sulla strada
Come altre volte prima e prima ancora
A Paterson questo è solo il modo in cui vanno le cose.
Se sei nero non devi farti vedere per strada
A meno che non vuoi accettare la sfida

 Alfred Bello aveva un partner che aveva una soffiata per la polizia
Lui ed Arthur Dexter Bradley si aggiravano nella zona
Disse “ho visto due uomini correre fuori, sembravano pesi medi
Sono saltati in un’auto bianca con targa di “fuori”
E Miss Patty Valentine semplicemente accennò con il capo
Il poliziotto disse “aspettate un minuto, ragazzi, questo qui non è morto”
Cosi lo portarono in infermeria
E anche se l’uomo non poteva vedere
Loro gli dissero che avrebbe potuto identificare i colpevoli.

 Alle 4 del mattino trascinarono Rubin dentro
Lo portarono in ospedale e su per le scale
L’uomo ferito lo guardò attraverso il suo occhio morente
Disse “perché l’avete portato qui? non è lui!”
Si, ecco la storia di Uragano
L’uomo che le autorità hanno accusato
Per qualcosa che lui non ha mai fatto
L’hanno messo in prigione, ma un tempo lui avrebbe potuto essere
Il campione del mondo

 4 mesi dopo i ghetti erano in fiamme
Rubin è in Sud America che combatte per il suo nome
Mentre Arthur Dexter Bradley è ancora nel giro di furti
E i poliziotti lo stanno torchiando cercando qualcuno da incolpare
“Ricordi l’assassinio che successe in un bar”
“Ricordi tu dicesti che hai visto l’auto in fuga”
“Pensi di giocare con la legge?”
“Pensi possa essere stato quel combattente che hai visto correre fuori quella notte?”
“Non dimenticare che tu sei bianco”

 Arthur Dexter Bradley disse “davvero non sono sicuro”
Il poliziotto disse “un povero ragazzo come te deve darsi una possibilità
Ti abbiamo preso per il colpo al motel e stiamo parlando con il tuo amico Bello
Ora tu non vuoi tornare in cella vero? Fai il bravo ragazzo
Faresti un favore alla società
Quel figlio di puttana è coraggioso e diventa sempre più coraggioso
Vogliamo rompergli il culo
Vogliamo addossargli questo triplo omicidio
Lui non è Gentleman Jim

 Rubin può stendere un uomo solo con un pugno
Ma non gli ha mai fatto piacere parlarne
È il mio lavoro, disse, lo faccio perché mi pagano
E quando è finito l’incontro voglio solo al più presto possibile tornare per la mia strada
Lassù in qualche paradiso
Dove nei fiumi ci sono trote e l’aria è dolce
E cavalchi nel verde
Ma poi loro lo misero in prigione
Dove cercarono di trasformare un uomo in un topo

 Tutte le carte di Rubin erano state marcate in anticipo
Il processo fu un circo di maiali, non aveva possibilità
Il giudice fece passare per alcolizzato e inaffidabile il testimone di Rubin
Per la gente bianca che stava a guardare lui era un fannullone rivoluzionario
E per la gente nera lui era solo un pazzo negro
Nessuno dubitò che fu lui a premere il grilletto
Sebbene loro non avessero trovato l’arma
L’accusa disse che fu lui a compiere l’atto
E la giuria composta di bianchi fu d’accordo

Rubin Carter fu ingiustamente condannato
L’accusa fu omicidio, indovina chi ha testimoniato?
Bello e Bradley ed entrambi mentirono
E i giornali, tutti ci mangiarono sopra
Come può la vita di un uomo
Essere nelle mani di qualche pazzo?
Vederlo ovviamente incastrato
Non può aiutarlo ma mi fa vergognare di vivere in un paese
Dove la giustizia è un gioco

 Ora tutti i criminali coi loro cappotti e le loro cravatte
Sono liberi di bere Martini e guardare l’alba
Mentre Rubin siede come Budda in una piccola cella
Un innocente in una camera infernale
Questa è la storia di Uragano
Ma non sarà finita finché non gli ridaranno il suo nome
E il tempo perso
Messo in una prigione, ma un tempo lui avrebbe potuto essere
Il campione del mondo


Not dark yet
da “Time Out Of Mind” (1997)

bob_dylan_-_time_out_of_mind

Shadows are falling and I been here all day
It’s too hot to sleep and time is running away
Feel like my soul has turned into steel
I’ve still got the scars that the sun didn’t let me heal

There’s not even room enough to be anywhere
It’s not dark yet, but it’s getting there
Well my sense of humanity is going down the drain
Behind every beautiful thing, there’s been some kind of pain

She wrote me a letter and she wrote it so kind
She put down in writin’ what was in her mind
I just don’t see why I should even care
It’s not dark yet, but it’s getting there

Well I been to London and I been to gay Paree
I followed the river and I got to the sea
I’ve been down to the bottom of a whirlpool of lies
I ain’t lookin’ for nothin’ in anyone’s eyes

Sometimes my burden is more than I can bear
It’s not dark yet, but it’s getting there
I was born here and I’ll die here, against my will
I know it looks like I’m movin’ but I’m standin’ still

Every nerve in my body is so naked and numb
I can’t even remember what it was I came here to get away from
Don’t even hear the murmur of a prayer
It’s not dark yet, but it’s getting there

Non ancora buio

Calano le ombre ed io sono stato qui l’intero giorno
fa troppo caldo per dormire e il tempo rotola via
è come se la mia anima fosse diventata acciaio
ho ancora le cicatrici che il sole non ha rimarginato

e neppure un posto per stare in un posto qualunque
buio non è ancora, ma presto lo sarà
nobile umana natura, gocciolata via nella fogna
dietro ad ogni lama di bellezza c’è sempre stato qualche tipo di dolore

Lei mi ha scritto una lettera ed era così gentile
nelle parole ci ha messo tutto quello che pensava
Non capisco per cui tutto questo dovrebbe importarmi
Buio non è ancora, ma presto lo sarà

Sono stato a Londra e a Parigi,
ho seguito il fiume per giungere al mare
visitatore del fondo del mondo delle menzogne
non cerco più niente negli occhi degli altri

A volte il mio peso è più di quanto sopportare
buio non è ancora, ma presto lo sarà
qui sono nato, qui morirò mio malgrado
sembrava che avessi sempre corso, ma sono sempre stato fermo qui

Ogni fibra del mio corpo è così nuda e scoperta
non ricordo neppure da dove fuggivo, quando sono caduto qui dentro
non sento neppure il mormorio di una preghiera
buio non è ancora, ma presto lo sarà


Discografia di Bob Dylan

Titolo Anno # USA # UK Certificazioni USA Certificazioni Canada
Bob Dylan 1962 13
The Freewheelin’ Bob Dylan 1963 22 11 Platinum
The Times They Are a-Changin’ 1964 20 15 Gold
Another Side of Bob Dylan 1964 43 8 Gold
Bringing It All Back Home 1965 6 1 Platinum
Highway 61 Revisited 1965 3 4 Platinum Gold
Blonde on Blonde 1966 9 3 2×  Multi-Platinum
John Wesley Harding 1967 2 1 Platinum
Nashville Skyline 1969 3 1 Platinum Gold
Self Portrait 1970 4 1 Gold
New Morning 1970 7 1 Gold
Pat Garrett & Billy the Kid 1973 16 29 Gold
Dylan 1973 17 10 Gold
Planet Waves 1974 1 7 Gold
Blood on the Tracks 1975 1 4 2× Multi-Platinum Platinum
The Basement Tapes 1975 7 8 Gold
Desire 1976 1 3 2× Multi-Platinum Platinum
Street Legal 1978 11 2 Gold Platinum
Slow Train Coming 1979 3 2 Platinum 2× Platinum
Saved 1980 24 3
Shot of Love 1981 33 6
Infidels 1983 20 9 Gold Gold
Empire Burlesque 1985 33 11 Gold
Knocked Out Loaded 1986 54 35
Down in the Groove 1988 61 32
Oh Mercy 1989 30 6 Gold
Under the Red Sky 1990 38 13
Good as I Been to You 1992 51 18
World Gone Wrong 1993 70 35
Time Out of Mind 1997 10 10 Platinum Gold
Love and Theft 2001 5 3 Gold
Modern Times 2006 1 3 Platinum Platinum
Together Through Life 2009 1 1 / /
Christmas in the Heart 2009 / / / /
Tempest 2012 3 3 / /
Shadows in the Night 2015 7 1 / /
Fallen Angels 2016 20 maggio / / /

Raccolte

Album Anno # USA # UK Certificazioni USA Certificazioni Canada
Bob Dylan’s Greatest Hits 1967 10 6 5× Multi-Platinum 2× Platinum
Bob Dylan’s Greatest Hits Vol. II 1971 14 12 5× Multi-Platinum 2× Platinum
Masterpieces (solo per il mercato giapponese ed australiano) 1978
Biograph 1985 33 Platinum
The Bootleg Series Volumes 1–3 (Rare & Unreleased) 1961–1991 1991 49 32 Gold
Bob Dylan’s Greatest Hits Volume 3 1994 126 Gold
The Best of Bob Dylan, Vol. 1 (UK) 1997 6
The Best of Bob Dylan, Vol. 2 (UK) 2000
The Essential Bob Dylan 2000 67 9 Platinum
The Bootleg Series Vol. 7: No Direction Home: The Soundtrack 2005 16 21 Gold
The Best of Bob Dylan (US) 2005
Bob Dylan: The Collection 2007
Dylan 2007 36 10
The Bootleg Series Vol. 8 – Tell Tale Signs: Rare and Unreleased 1989-2006 2008
The Bootleg Series Vol. 9 – The Witmark Demos: 1962-1964 2010 12 18
The Bootleg Series Vol. 10 – Another Self Portrait 1969-1971 2013 5
The Bootleg Series Vol. 11: The Basement Tapes Complete 2014 42 17
The Bootleg Series Vol. 11: The Basement Tapes Raw 2014 41 17
The Bootleg Series Vol. 12: The Cutting Edge 1965-1966 2015 33 12

Album dal vivo

Album Anno # USA # UK Certificazioni USA Certificazioni Canada
Before the Flood 1974 3 8 Platinum
Hard Rain 1976 17 3 Gold
Bob Dylan at Budokan 1979 13 4 Gold Gold
Real Live 1984 115 54
Dylan & The Dead 1989 37 38 Gold
The 30th Anniversary Concert Celebration 1993 40
MTV Unplugged 1995 23 10 Gold
The Bootleg Series Vol. 4: Bob Dylan Live 1966, The “Royal Albert Hall” Concert 1998 31 19 Gold
Live 1961-2000: Thirty-Nine Years of Great Concert Performances (solo per il mercato giapponese) 2001
The Bootleg Series Vol. 5: Bob Dylan Live 1975, The Rolling Thunder Revue 2002 56 69 Gold
The Bootleg Series Vol. 6: Bob Dylan Live 1964, Concert at Philharmonic Hall 2004 28 33
Live at The Gaslight 1962 2005
Live at Carnegie Hall 1963 2005
In Concert: Brandeis University 1963 2011

Singoli

Anno Singolo Classifiche[5][2] Album
US US Main UK
1962 Mixed-Up Confusion / Corrina, Corrina Biograph / The Freewheelin’ Bob Dylan
1964 Blowin’ in the Wind The Freewheelin’ Bob Dylan
1965 The Times They Are a-Changin’ 9 The Times They Are a-Changin’
Maggie’s Farm 22 Bringing It All Back Home
Subterranean Homesick Blues 39 9
Like a Rolling Stone 2 4 Highway 61 Revisited
Positively 4th Street 7 8 Biograph / Bob Dylan’s Greatest Hits
Can You Please Crawl Out Your Window? 58 17 Biograph
1966 One of Us Must Know (Sooner or Later) 35 Blonde on Blonde
Rainy Day Women #12 & 35 2 7
I Want You 20 16
Just Like a Woman 33
1967 Leopard-Skin Pill-Box Hat 81
1969 I Threw It All Away 85 30 Nashville Skyline
Lay Lady Lay 7 5
Tonight I’ll Be Staying Here with You 50
1970 Wigwam 41 Self Portrait
1971 Watching the River Flow 41 24 Bob Dylan’s Greatest Hits Vol. II / Singolo mai pubblicato su album
If Not for You New Morning
George Jackson 33 Brano mai pubblicato su album
1973 Knockin’ on Heaven’s Door 12 14 Pat Garrett & Billy the Kid
1973 A Fool Such as I 55 Dylan
1974 On a Night Like This 44 Planet Waves
Something There Is About You
Most Likely You Go Your Way (And I’ll Go Mine) (con The Band) 66 Before the Flood
All Along the Watchtower
1975 Tangled Up in Blue 31 Blood on the Tracks
Hurricane 33 Desire
1976 Mozambique 54
1977 Rita May 110 Brano mai pubblicato su album
1978 Is Your Love in Vain? Street Legal
Baby Stop Crying 13
Changing of the Guards
1979 Gotta Serve Somebody 24 Slow Train Coming
Precious Angel/Trouble in Mind
1980 Man Gave Names to All the Animals
Solid Rock Saved
Saved
1981 Shot of Love 38 Shot of Love
Heart of Mine
1983 Union Sundown Infidels
1984 Jokerman
Sweetheart Like You 55[6]
1985 Tight Connection to My Heart (Has Anybody Seen My Love?) 19[6] Empire Burlesque
When the Night Comes Falling from the Sky
1986 Band of the Hand 28[6] Brano mai pubblicato su album
1986 Got My Mind Made Up 23[6] Knocked Out Loaded
1988 Silvio 5[6] Down in the Groove
1989 Everything Is Broken 8[6] Oh Mercy
Slow Train (con i Grateful Dead) 8 Dylan & The Dead
1990 Unbelievable 21[6] Under the Red Sky
1993 My Back Pages 26[6] The 30th Anniversary Concert Celebration
1995 Dignity 33 MTV Unplugged
1998 Not Dark Yet Time Out of Mind
Love Sick Time Out of Mind
2000 Things Have Changed Wonder Boys
2006 Someday Baby 98[6][7] Modern Times
2007 Most Likely You Go Your Way (And I’ll Go Mine) (Mark Ronson Re-Version) Dylan promotion / Brano mai pubblicato su album
2008 Dreamin’ of You The Bootleg Series Vol. 8 – Tell Tale Signs: Rare and Unreleased 1989-2006
2009 Beyond Here Lies Nothin’ Together Through Life
2009 I Feel A Change Comin’ On Together Through Life
2010 Must Be Santa 41 Christmas in the Heart
2010 Make You Feel My Love 152 Dylan
2012 Duquesne Whistle Tempest
2014 Full Moon and Empty Arms Shadows in the Night
2015 Stay with Me Shadows in the Night

Partecipazioni

  • The Concert for Bangladesh (George Harrison, 1971) – sei canzoni
  • Rock of Ages (The Band, 1972) – quattro canzoni
  • The Last Waltz (The Band, 1978) – cinque canzoni
  • Postcards of the Hanging (The Grateful Dead, 2002) – una canzone
  • Gotta Serve Somebody: The Gospel Songs of Bob Dylan (Artisti vari, 2003) – una canzone
  • A Musical History (The Band, 2005) – sette canzoni

Bibliografia scelta in italiano

AA. VV., Parole nel vento. I migliori saggi critici su Bob Dylan, a cura di A. Carrera, Interlinea, 2008
A. Carrera, La voce di Bob Dylan. Una spiegazione dell’America, Feltrinelli, 2001
B. Dylan, Chronicles Volume 1, trad. di A. Carrera, Feltrinelli, 2005
B. Dylan, Lyrics 1962-2001, trad. di A. Carrera, Feltrinelli, 2006
B. Dylan, Tarantola, trad. di A. Carrera, Feltrinelli, 2007
C. Heylin, Jokerman. Vita e arte di Bob Dylan, trad. di S. Focacci, Tarab, 1996
G. Marcus, Bob Dylan. La repubblica invisibile, trad. di M. Lizzardi, Arcana, 1997
G. Marcus, Like A Rolling Stone. Bob Dylan, una canzone, l’America, trad. di A. Mecacci, Donzelli, 2005
N. Menicacci, Bob Dylan. L’ultimo cavaliere, Hermatena, 2005
M. Murino, Bob Dylan. Percorsi, Bastogi, 2006
A. Scaduto, Bob Dylan, trad. di A. Gini e G. Marano, Arcana, 2003
R. Shelton, Vita e musica di Bob Dylan, trad. di P. Merla, Feltrinelli, 1987
H. Sounes, Bob Dylan, trad. di G. Garbellini, Guanda, 2002
P. Vites, Bob Dylan 1962-2002. Quarant’anni di canzoni, Editori Riuniti, 2002


NOTE

I testi e le traduzioni sono tratti da: Bob Dylan, Lyrics, 1962-2001, (Traduzione a cura di Alessandro Carrera), Feltrinelli, Milano 2006


LOST ORPHEUS ENSEMBLE
Modern Music Live BaND

logo-lost-orpheus-ensemble

Contacts: Via del Popolo 127-129
85100 – POTENZA (ITALY)

Website: http://www.lostorpheus.info
E-mail: lostorpheusmedia@gmail.com

Tel.: 0971-37457
Cell. 333-3878854

Testi pubblicati per studio e ricerca – Uso non commerciale
Published texts for study and research-non-commercial use
© Copyright 2016 – Rights Reserved

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.



Categorie:Q02- Lezione #2: La canzone popolare anglo-americana, Uncategorized

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIA E SOCIETA' - HISTORY AND SOCIETY

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

NEODRAMMATURGIA

TEATRO E RICERCA - THEATRE AND RESEARCH

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SCRITTURE / WRITINGS AND ART WORKS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: